Nutrizione
oncologica

Nutrizione
oncologica

Perchè occuparsi di nutrizione nel paziente oncologico?

Non vi è una sola causa dello sviluppo del cancro, i fattori di rischio sono da ricercarsi nella predisposizione genetica, nell’ambiente, nell’alimentazione e nella presenza di patologie favorenti. La stretta collaborazione con DD CLINIC Research Institute, in prima linea per la ricerca sulla nutrizione oncologica, ci ha permesso di affrontare questo difficile campo in modo scientifico e preciso. Quando si parla di cancro è sempre molto difficile districarsi nell’oceano di informazioni, spesso contrastanti, sulla gestione della malattia al di fuori dell’area medica. I dati ci dicono che:


In un quadro già estremamente complesso, il ruolo della nutrizione nel paziente oncologico è quello di garantire il benessere dell’individuo, contenendo la perdita di peso, la malnutrizione o aiutandolo nella perdita del peso in eccesso. Inoltre un ruolo estremamente importante riguarda gli effetti avversi delle terapie (nausea, anoressia, perdita del gusto, stanchezza, leucopenia, piastrinopenia…) per i quali un approccio nutrizionale corretto può essere di grande aiuto.
L’Intervento nutrizionale dovrebbe quindi essere tempestivo e far parte integrante del percorso di cura

Esistono strategie alimentari per i pazienti oncologici?


L'alimentazione nella malattia oncologica è una questione complessa e controversa. Sebbene linee guida generali e sempre applicabili possano costituire una tracciate in termini di prevenzione primaria e secondaria, l'approccio dietetico nella malattia in atto va rigorosamente disegnato in funzione di una serie di parametri:

• stato nutrizionale "anabolico-catabolico" del paziente e bilancio azotato
• stadio della malattia e comorbilità
• immunofenotipo;
• diagnosi istologica;
• terapie radio-chemio in atto e/o eseguite
• terapie integrate praticate e/o consigliate;


Ciò considerato, vien da sé che nessun alimento e/o nutraceutico risulta rigorosamente escluso "a priori", ma trova indicazioni specifiche così come si prescrive un farmaco, quando se ne avverta la necessità. La linea guida dunque non possiede e non vuole avere etichetta: non è vegan, vegetariano, alcalino, paleo, gerson, mediterraneo o quant'altro.



Esistono strategie alimentari per i pazienti oncologici?


L'alimentazione nella malattia oncologica è una questione complessa e controversa. Sebbene linee guida generali e sempre applicabili possano costituire una tracciate in termini di prevenzione primaria e secondaria, l'approccio dietetico nella malattia in atto va rigorosamente disegnato in funzione di una serie di parametri:

• stato nutrizionale "anabolico-catabolico" del paziente e bilancio azotato
• stadio della malattia e comorbilità
• immunofenotipo;
• diagnosi istologica;
• terapie radio-chemio in atto e/o eseguite
• terapie integrate praticate e/o consigliate;


Ciò considerato, vien da sé che nessun alimento e/o nutraceutico risulta rigorosamente escluso "a priori", ma trova indicazioni specifiche così come si prescrive un farmaco, quando se ne avverta la necessità. La linea guida dunque non possiede e non vuole avere etichetta: non è vegan, vegetariano, alcalino, paleo, gerson, mediterraneo o quant'altro.


Può tuttavia essere ognuna di queste cose quando la situazione lo richieda: essa altro non è che l'insieme della moderna (e antica) letteratura, unita alla medicina basata sulle evidenze e all’esperienza del professionista. In questa ottica, non esiste, in ultima analisi, nessuna dieta che "curi" il cancro: esiste invece la Manipolazione Nutrizionale, strategie alimentari che si inseriscono a pieno titolo e diritto in quella che oggi prende il nome di "Medicina Oncologica Integrata".
In ogni fase del percorso terapeutico l’intervento nutrizionale dovrebbe essere monitorato a intervalli regolari per rivalutare lo stato nutrizionale, miglioramenti, difficoltà, compliance del paziente, interferenze nel percorso nutrizionale causate da effetti collaterali legati ai farmaci, potendo così modificare la prescrizione dietetica in rapporto alla risposta al trattamento, mantenendo sotto controllo la composizione corporea e prevenendo carenze micro e macronutrizionali.

Il Razionale della Terapia Nutrizionale

Durante i trattamenti di chemio e radioterapia possono comparire molteplici disturbi e/o complicanze che rendono più difficile alimentarsi e possono condurre a carenze nutrizionali (calo dell’appetito, nausea e vomito, maldigestione, stipsi o diarrea, mucositi e conseguenti difficoltà di masticazione e di deglutizione, alterazione del gusto, malassorbimento).
La malnutrizione in oncologia è un problema ricorrente, che può anche degenerare in cachessia neoplastica e che va quindi individuato precocemente. La malnutrizione ha un’accezione ampia e può essere intesa come eccesso/difetto proteico, carenza di micronutrienti, eccesso di grassi saturi e zuccheri raffinati e consumo abituale di alimenti ad alto contenuto energetico e basso valore nutrizionale, caratteristiche che sono in genere associate a maggiore appetibilità e che rendono quindi questi alimenti ben accetti da coloro che hanno difficoltà nell’alimentarsi (assenza di appetito, nausea, etc) oppure scelti per il loro ruolo compensatorio in una situazione di disagio psico-emozionale quale la malattia oncologica.


Indispensabile quindi, una valutazione nutrizionale precedente agli interventi terapeutici per attestare l’eventuale presenza di malnutrizione, valutazione da ripetersi in itinere per modificare adeguatamente l’approccio nutrizionale e prevenire carenze, anche subcliniche.
Un corretto intervento nutrizionale deve condurre attraverso le varie fasi della malattia senza perdite di massa magra, né carenze macro-micronutrizionali, intervenendo sul sistema neuro-immuno-endocrino mediante la regolazione di quantità e qualità delle componenti nutrizionali più attive:


Vuoi approfondire l'argomento?


Gli obiettivi


I trattamenti dietetici dietetici in fase pre/durante/post chemio-radio-terapia sono in primis finalizzati ad intervenire sull’organo intestino in quanto fulcro neuro-immuno-endocrino dell’organismo, inoltre mirano a:

Nutrizione oncologica

Creare condizioni sfavorevoli alla replicazione e alla sopravvivenza delle cellule neoplastiche

Nutrizione oncologica

Prevenire variazioni ponderali importanti e la perdita di massa magra durante il trattamento farmacologico

Nutrizione oncologica

Migliorare/prevenire eventuali deficit micro e macro-nutrizionali

4

Migliorare la qualità di vita durante il trattamento terapeutico in termini di riduzione degli effetti collaterali sia qualitativamente che quantitativamente

5

Aumentare la tolleranza al trattamento farmacologico ed ottimizzare la risposta ad esso

6

Recuperare più velocemente energia e benessere dopo la terapia

7

Prevenire eventuali recidive post trattamento.


 

Vuoi avere maggiori informazioni?
Compila il modulo contatti e ti risponderò il prima possibile


    Ho letto e accetto la Policy Privacy

    Logo
    Logo

    La Fondazione "DD Clinic Research Institute", nasce come Istituto di Ricerca nel campo della ricerca sul cancro e sulle patologie neurodegenerative. E' costituita da un numeroso team di Medici e Biologi presenti su tutto il territorio italiano con una rete di Ambulatori, Studi Medici e Studi di Nutrizione. Essa si prefigge lo scopo di contribuire, direttamente o in collaborazione con università, strutture sanitarie pubbliche e/o private, alla promozione e allo sviluppo della ricerca medico-scientifica in particolare nel campo delle patologie oncologiche, nonché alla prevenzione delle malattie sopra indicate ed alla educazione sanitaria della popolazione tutta.